.
Annunci online

FireMan e ora guardiamo oltre...
Resta aggiornato con i feed: Feed RSS di questo blog Feed ATOM di questo blog
22 luglio 2008
Lascia la Turchia dopo "honour killing" del suo partner

Ieri ho pubblicato la storia di Ahmet Yildiz, studente di fisica 26enne ucciso a colpi di pistola mentre lasciava un caffe sul Bosforo durante il weekend... Oggi leggo che il suo partner, in possesso di passaporto tedesco, è stato caldamente invitato - direi forzato - dal Consolato a lasciare la turchia perché anche egli a rischio

E questa - la Turchia - sarebbe la nazione che vorrebbe entrare in Europa?
Ne facciamo volentieri a meno.
Certo, dopo i vari paesi dell'Est dove i Pride vengono assaltati da estremisti nazionalisti e religiosi.



 

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. turchia diritti civili honour killing

permalink | inviato da FireMan il 22/7/2008 alle 9:39 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
CULTURA
21 luglio 2008
Ahmet Yildiz

Ahmet Yildiz, giovane gay turco di 26 anni, il quale viveva orgogliosamente ed apertamente la sua omosessualità ad Istanbul, è stato ucciso mentre lasciava un cafe vicino il Bosphorus Strait durante questo weekend. I suoi amici credono egli sia vittima di una omicidio per questioni di onore - "honor killing" come viene chiamato in Turchia - di un uomo gay.

The Independent riporta: "La Turchia ha una storia di honour killing. Uno studio del governo quest'anno ha stimato che una persona ogni settimana muore ad Istanbul per un honour killing. Questo porta il numero di morti a 220 nel 2007. Nella maggiornaza dei casi, le vittime sono donne, ma gli amici di Yildiz sospettano egli possa essere il primo uomo ad esser registrato come vittima di honour killing omosessuale.

"Abbiamo provato a contattare la famiglia di Ahmet perché si occupassero dei funerali" ha dichiarato un amico della vittima fuori la morgue dove il corpo è rimasto per tre giorni, "ma non abbiamo avuto alcuna risposta e sembra non siano intenzionati a venire".

"Si sentiva vittima di una guerra tra vecchie mentalità e il sempre più crescente senso di libertà civile," afferma Sedef Cakmak, un altro amico membro di Lambda. "Mi sento privo di aiuto: proviamo a far crescere la consapevolezza sui diritti civili in questo paese ma più diventiamo visibili più siamo esposti a questo tipo di attacchi."

Un ex vicino di casa di Yildiz ha affermato: "Avrebbe dovuto nascondere chi fosse, ma voleva vivere onestamente. Quando cominciarono le minacce, il suo boyfriend provò anche a convincerlo a lasciare il paese ed andare a vivere fuori dalla Turchia. Ma non volle e decise di rimanere, era troppo coraggioso. Era troppo visibile."
Il rifiuto delle famiglie di seppellire i parenti è una pratica comune nel caso di omicidi per cause d'onore.
Mazhar Bagli, sociologo Turco, il quale ha intervistato 189 persone perseguite per omicidi per cause d'onore, non ha mai sentito parlare di morti tra gli omosessuali ma non ha alcun dubbio che l'omosessualità possa essere addottta come giustificazione. "Gli omicidi per cause d'onore fanno pulizia di relazioni illecite. Per le donne principalmente. Gli uomini hanno maggiore libertà sessuale, ma l'omosessualità è ancora vista come qualcosa oltre il consueto."

La morte di Yildiz è solo un esempio del crescente sentimento anti-gay in Turchia. A Maggio, una Corte Turca ha ordinato all'associazione "Lambda Istanbul - associazione di solidarietà GLBT" di chiudere affermando tra l'altro che le parole relative all'identità sessuale dei suoi membri contenute nel nome violavano la pubblica morale. A quanto sembra l'evoluzione culturale del paese ci sta mettendo un po più di uno schiocco di dita.



 

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. turchia diritti civili honour killing

permalink | inviato da FireMan il 21/7/2008 alle 17:14 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
POLITICA
17 luglio 2008
Eluana Englaro

Questa volta non parlo. Non apro bocca.

Sono un tipo molto poco politically correct e quindi potrei risultare - ad alcuni soltanto - molto sgradevole.
Tanto ne stanno parlando in tanti, una tra tutti Cristiana del cui scritto questa volta condivido anche le virgole.



 

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. eluana englaro diritti civili

permalink | inviato da FireMan il 17/7/2008 alle 14:20 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa
SOCIETA'
16 luglio 2008
Impronte

Sono totalmente convinto che sia una discriminazione de facto la raccolta delle impronte dei bambini di etnia ROM e pertanto sono pienamente contrario; invece, sull'emendamento che prevede le impronte digitali sulla carta d'identità non so proprio cosa pensare.
D'istinto non mi piace per nulla, ma non ne sono proprio certo.



 

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. politica diritti civili impronte digitali

permalink | inviato da FireMan il 16/7/2008 alle 16:0 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (5) | Versione per la stampa
POLITICA
15 luglio 2008
NoPope Coalition vince la sua prima battaglia

Ciò che non sapremo mai dai telegiornali.

Sydney, Australia - Martedi, tre giudici federali si sono espressi a favore dell'annullamento di una legge promulgata per impedire a chiunque dall'arrecare disturbo ai partecipanti della Giornata Mondiale della Gioventù prevista in Australia alla quale è prevista la presenza del Papa. La motivazione per l'annullamento di tale legge è che essa restringe la libertà di parola.

Tale decisione, nel giorno di apertura della sei giorni della GMG, spiana la via alla manifestazione organizzata per sabato dalla NoPope Coalition in cui gli attivisti indosseranno magliette con frasi di condanna verso il Papa e distribuiranno preservativi ai ragazzi.

Qui l'articolo completo.



 

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. papa nopope coalition diritti civili gay

permalink | inviato da FireMan il 15/7/2008 alle 15:31 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
Sfoglia giugno        agosto
Che giorno è oggi?

Link:

- Aut Magazine
- GayPolitics
- Commercial Closet
- PLAYGROUND
Citazione dotta:

Se comprendiamo che due uomini o due donne si possono amare; se accettiamo che possono avere tra loro un rapporto giuridico, se riteniamo inoltre che tale rapporto può comportare l’adozione, perché non dovremmo chiamare un simile rapporto matrimonio?

Josè Luis Rodriguez Zapatero

Tag principali:

napoli omofobia qpix partito democratico pride privato gay lavoro veltroni mario mieli glbt arcigay società pd acquario diritti libreria babele roma personale politica diritti civili

Questo blog è anche su:


Gay and Lesbian Blogs - Blog Catalog Blog Directory      Add to Technorati Favorites        Vote for this site at Freedom Forum    
Chi è FireMan?

FireMan-AutoRitratto

Disclaimer

Puoi contattarmi a:

Cosa sto leggendo:


Questo Blog nasce il
29 Settembre 2005

You don't speak italian but
u're too courios?

Sono anche su Facebook
Mi vuoi conoscere? mandami le tue coordinate!



Playlist



Cerca:



Curiosità:

Blog letto 1 volte