.
Annunci online

FireMan e ora guardiamo oltre...
Resta aggiornato con i feed: Feed RSS di questo blog Feed ATOM di questo blog
CULTURA
31 ottobre 2007
Napoletano?
Roma - Romeno? Nient'affatto. E' napoletano, ha 19 anni e si presume facesse parte della banda di aggressori che sabato scorso ha malmenato e rapinato il giornalista Lamberto Sposini, dalle parti del Circo Massimo.
RomaOne cosi apre il servizio. La stessa dicitura - napoletano - è stata usate ieri sera dai TG.
Ora, io capisco il disappunto dei signori giornalisti che non potevano più gridare al lupo al lupo per l'ennesimo atto criminale dello straniero, ma non capisco il conseguente uso che si fa della provenienza del farabutto arrestato. Già perche se "ladro straniero" ultimamente è assimilato come "Romeno" che riporta alla mente immagini quali ROM e zingaro, mi pare di capire che "ladro italiano" diviene subito "Napoletano". E in base a cosa?
Ma forse ho interpretato io male, forse si voleva proprio evidenziare come certi misfatti non sono attribuibili solo allo straniero di turno, ma allora non bastava dire "italiano"?


 

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. marco fischietti lamberto sposini romaone

permalink | inviato da FireMan il 31/10/2007 alle 15:0 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
POLITICA
31 ottobre 2007
194 e il Papa
Invasivo, brutale, violento, oscurantista, come altro definire l'intervento di Benedetto XVI rivolto ai farmacisti cattolici convenuti a Roma per il loro Congresso mondiale? Per il Papa l'obiezione di coscienza é "un diritto che deve essere riconosciuto alla vostra professione, permettendovi di non collaborare direttamente o indirettamente alla fornitura di prodotti che hanno per scopo scelte chiaramente immorali come per esempio l'aborto e l'eutanasia".

di Katia Zanotti

Continua qui

Posted also on GayToday



 
sessualità
30 ottobre 2007
Come Pasolini
La notizia: Ucciso come Pier Paolo Pasolini. Arrestati due giovani tossici.
Su quanto accaduto in sé non c'è da commentare, non è il primo - Roma ha il record di omocidi - e nemmeno sarà l'ultimo.
C'è solo da ammettere che per una volta non si è parlato di "torbidi ambienti omosessuali" et similia...
Resta ovviamente il fatto che un altro se ne è andato. Non sappiamo se fosse uin habituè o meno del sesso a pagamento, non sappiamo se fosse una persona visibile o meno, se avesse una cerchia di amici, se la famiglia gli fosse vicino. Potremmo facilmente lanciarci in tutta una sequenza di luoghi comuni tipo chi vive in un certo modo sa di andare incontro al pericolo e cosi via.
Siamo sempre bravi a parlare dopo, a fare i moralisti, quelli puri che non farebbero mai una cosa simile. Chissà però perche in ogni città medio-grande si trova sempre uno o più posti dove la notte si batte, e son sempre pieni.

Io continuo solamente a pensare che un altro non c'è più.

Posted also on GayToday



 



permalink | inviato da FireMan il 30/10/2007 alle 17:23 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (6) | Versione per la stampa
vita scolastica
30 ottobre 2007
Dei miei anni al liceo

In terza liceo - erano gli anni 79/80 più o meno - sono stato bocciato. Dopo 2 anni in cui me la son cavata con un rinvio a settembre (il primo) ed una dose massiccia di lezioni private (il secondo) alla fine (in terza) son stato bocciato. E - credetemi - non perché avessi problemi a studiare, piuttosto perché quell'anno avevo deciso che c'erano cose più importanti di cui occuparmi - il sociale e la politica - e quindi, complice anche il fatto di aver incontrato professori difficili ed ideologicamente opposti a me, ho semplicemente deciso di non studiare.
Cosi i miei - ma in realtà mia madre - dopo un mio fermo rifiuto a frequentare una scuola privata gestita da preti - il noto Istituto Bianchi - decisero in ogni caso di cambiarmi scuola.
Cosi, forzatamente, abbandonai il Liceo Scientifico Statale Galileo Galilei e passai al Liceo Scientifico Statale Leon Battista Alberti.

Di fatto mi trovai da un mese all'altro ad abbandonare tutti i miei compagni coi quali avevo cominciato un percorso di crescita ad una età decisamente critica, ed entrai in questa nuova classe dove una delle prime frasi che udii fu "ma perche tutti i ripetenti li mettono sempre qui?".

L'orgoglio mi spinse a dimostrare che, almeno nel mio caso, quei nuovi compagni ci avevano guadagnato ad avermi con loro e cosi i successivi 3 anni furono impegnativi: ero impegnato a dimostrare che le cose non sono mai cosi semplici come le immaginiamo e che dietro una bocciatura può esserci qualcosa di diverso dal semplice non aver voglia di studiare.
Non ho mai più avuto bisogno di aiuto e son sempre stato tra le voci più ascoltate della classe, oltre che tra i più popolari, al punto che diverso tempo dopo proprio il ragazzo che aveva pronunciato le fatidiche parole - e che nel frattempo era divenuto un amico - ammise la leggerezza di quel primo giorno.

Oggi leggo su Repubblica di questa classe e delle obbiezioni provenienti non da studenti e/o genitori quanto piuttosto dallo stesso corpo docente, leggo di "classe degli asini" e resto stupito.
Già, perché - a mio parere - quello che al solito preoccupa è la quantità di lavoro in più che bisognerà fare per poter dare "possibilità di recupero e di riscatto".

Già, il riscatto.

Io avrei gradito una classe simile. Ma erano altri tempi.

Update: Oggi il Ministro Fioroni, si quello sveglio che non sa cos'è il bullismo omofobico, ha mandato un suo ispettore, per la precisione Agostino Pittaluga, dopo il casino sollevato dalle RSU che guarda caso "rappresenta i lavoratori nel luogo di lavoro e… li rappresenta tutti!" ma non rappresenta gli studenti.

Posted also on GayToday



 
POLITICA
30 ottobre 2007
Svezia per il Matrimonio?
Cresce in Svezia il sostegno al matrimonio tra persone dello stesso sesso.

Stoccolma - Sei dei sette partiti politici svedesi (NdF: 7, si avete letto bene!) sostengono ora la legislazione che permetterebbe il matrimonio tra persone dello stesso sesso, lasciando cosi solo il pratito Cristiano Democratico (NdF: Democratico?) all'opposizione.

Il partito Moderato è stato l'ultimo in ordine di tempo ad annunciare nello scorso weekend il suo sostegno alla legge introdotta in Parlamento all'inizio di questo mese.

I Cristiani Democratici (NdF: Democratici, mi suona familiare...) giurano di continuare la battaglia contro la revisione della legge sulle unioni civili per consentire il pieno matrimonio.

[...]

Continua qui.

Da: 363Gay

Posted also on GayToday



 
Sfoglia settembre   <<  1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8  >>   novembre
Che giorno è oggi?

Link:

- Aut Magazine
- GayPolitics
- Commercial Closet
- PLAYGROUND
Citazione dotta:

Se comprendiamo che due uomini o due donne si possono amare; se accettiamo che possono avere tra loro un rapporto giuridico, se riteniamo inoltre che tale rapporto può comportare l’adozione, perché non dovremmo chiamare un simile rapporto matrimonio?

Josè Luis Rodriguez Zapatero

Tag principali:

veltroni personale glbt qpix libreria babele roma privato mario mieli diritti arcigay napoli pride politica gay partito democratico società acquario lavoro diritti civili pd omofobia

Questo blog è anche su:


Gay and Lesbian Blogs - Blog Catalog Blog Directory      Add to Technorati Favorites        Vote for this site at Freedom Forum    
Chi è FireMan?

FireMan-AutoRitratto

Disclaimer

Puoi contattarmi a:

Cosa sto leggendo:


Questo Blog nasce il
29 Settembre 2005

You don't speak italian but
u're too courios?

Sono anche su Facebook
Mi vuoi conoscere? mandami le tue coordinate!



Playlist



Cerca:



Curiosità:

Blog letto 1 volte